I DOMENICA DI QUARESIMA – ANNO A

Congregatio pro Clericis

I  Domenica di Quaresima – Anno A

Mt 4,1-11

 

 

Il brano delle tentazioni in Matteo arriva dopo il battesimo di Gesù, dopo che  Giovanni il Battista ha raccolto al Giordano la miseria dell’umanità, e proprio lì, in quel fango, lo Spirito è sceso su di lui e la voce del Padre ha detto che in questo Figlio si è compiaciuto (cf Mt 3, 17).

Questo Figlio è la mia gioia, la mia pienezza. Lui farà emergere il Padre, lì in quel fango.

Mosso dallo Spirito va nel deserto e arrivano le tentazioni. Dopo quaranta giorni e quaranta notti di digiuno (Mt 4, 1-2) è logico che abbia fame. È logico che quando uno avverte i bisogni della sua natura, le necessità, le esigenze che urgono, quello è il momento opportuno per la tentazione, per la seduzione. Lì appare il tentatore perché proprio sulla condizione umana può far leva dopo la tragedia del peccato. È importantissimo che prima ci sia il Battesimo, perché lì Cristo partecipa pienamente della condizione umana, è immerso in essa, la conosce.

Il nemico si presenta come un amicone, uno che si mette dalla tua parte, si inserisce esattamente in ciò che sarebbe la cosa più connaturale, gioca a tuo favore.

Nel deserto, in cui l’uomo con il peccato ha convertito il giardino, la tentazione suggerisce di usare la figliolanza per fare di questo deserto il cibo: “Fai diventare pane queste pietre”. Ma questo significherebbe andare contro la verità: le pietre non possono diventare pane; la pietra diventerà Cristo, ma non pane. È Cristo l’epicentro, è il Logos di tutto il creato, nessuna cosa può essere usata fuori dal Logos, perché la si perverte. Ma il diavolo insinua che puoi vivere la verità di figlio di Dio da demonio, in una maniera diabolica, usando Dio per soddisfare le esigenze della natura, perché così rimaniamo quello che siamo: schiavi, anche se soddisfatti. Questa è la vera tentazione: vivere la fede da non credenti, vivere la figliolanza da schiavi, con qualche capriccio che ci conferma.

E questa è la linea di tutte e tre le tentazioni: che tu usi la figliolanza per te stesso, e non da figlio, non in relazione. Il diavolo ci ha vinti quando ci ha fatto vedere la possibilità di vivere la fede come un’opera nostra, un impegno nostro, una nostra conquista. E perciò prima facciamo le cose secondo la nostra volontà, poi vogliamo che Dio ci salvi, che sia Lui a seguire noi.

Ci siamo distratti per non vederci più nel Figlio, con il Padre. Questa è la tentazione e la possiamo riconoscere in ogni istante: ognuno, come diceva Gregorio di Nissa, è per l’altro un angelo, quello buono o quello cattivo. Quando vediamo che la natura sta vincendo su quelli che ci sono accanto, invece di aiutarli a fermarsi peggioriamo la situazione, mettendo su di loro altri pesi, quasi in attesa di  veder passare il cadavere: queste sono le tentazioni.

Qui sono rappresentate come un vero duello, colpo a colpo, ma le tentazioni di Cristo non sono state un episodio; una volta questo demonio si è presentato come Pietro che  gli dice che non deve soffrire (cf Mc 8,32); o come i giudei che dicono a lui di avere un demonio (cf Gv 8,52). Un’altra volta come scribi e farisei:  “Maestro vorremmo vedere da te un segno” (Mt 12,38). E il diavolo voleva un segno.

Cristo è stato tentato fino alla croce, e così siamo tentati noi; almeno cerchiamo di non distrarci troppo, cerchiamo di fissare lo sguardo su Cristo e vederci dentro Cristo con il Padre. E perciò siamo chiamati a una certa cura di chi ci sta accanto, a non distrarlo, ma aiutarlo piuttosto a riportare lo sguardo al punto giusto, a non essere schiavo della ferita della natura del peccato, ma essere Pietro che cammina sulle acque, in forza della Parola che ci chiama.

 

P. Marko Ivan Rupnik