Omelie

  • XV Domenica del Tempo Ordinario - Anno B

    La missione come viene presentata in questo capitolo 6 di Marco ha differenze tali rispetto a quella del capitolo 3 da far dire a molti esegeti che qualcosa non è andato bene, gli apostoli inviati hanno fatto una grande fatica a comprendere in che cosa questa missione consistesse. La difficoltà più grande per gli apostoli è stata certamente abbracciare la portata universale del messaggio... Continua
  • XIV Domenica del Tempo Ordinario - Anno B

    Nel vangelo di oggi troviamo Cristo che ritorna a Nazareth, anzi Marco dice “nella sua patria” (Mc 6,1), quasi ad estendere Nazareth a tutta la nazione e a tutto il suo popolo. Di sabato entra nella sinagoga e si mette ad insegnare, come aveva già fatto (cf Mc 1,21) ma è solo da Luca che sappiamo il contenuto, solo lui precisa cosa Cristo sta dicendo, cosa insegna. Ciò che dice colpisce... Continua
  • XIII Domenica del Tempo Ordinario - Anno B

    Il vangelo di Marco già dal secondo capitolo, nell’episodio del paralitico che viene calato dal tetto fa vedere che la questione non è della guarigione fisica ma della salvezza. La questione non è la morte ma quello che la produce, cioè il peccato: bisogna cominciare con la radice, partire dal perdono del peccato per essere riammessi all’unione con Dio, dopo c’è anche la guarigione, ma non è... Continua
  • Natività di Giovanni Battista – Anno B

    La nascita di Giovanni Battista è l’inizio di una nuova epoca spirituale. Nasce colui che è chiamato a indicare il Messia. Zaccaria, suo padre, con il suo nome indicava che Dio si ricorda, suo figlio già con il nome indicherà un Dio che fa grazia. Inizia l’epoca della grazia. Giovanni evangelista dice subito all’inizio del suo vangelo: “La legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità... Continua
  • XI Domenica del Tempo Ordinario - Anno B

    Siamo di nuovo nel vangelo di Marco, nel capitolo delle parabole del Regno. La parabola del Seminatore ci aveva aperto questa visione della bellezza dove per terreno bello si intende quello che accoglie il seme, dunque la bellezza come accoglienza della vita del Figlio, della figliolanza, del Logos che trasfigura l’umanità nell’umanità del Figlio, cioè nella divino umanità. La resurrezione, la... Continua
  • X Domenica del Tempo Ordinario - Anno B

    Il vangelo di oggi segue in Marco l’istituzione dei Dodici e il primo effetto davanti alle folle che cominciano a radunarsi intorno a Gesù riguarda quelli che sono chiamati i suoi parenti, i quali lo ritengono “fuori di sé”. Quello che Cristo ha cominciato a dire colpisce fortemente gli ascoltatori e produce la reazione degli spiriti immondi. La liberazione dal male che lui ha iniziato non può... Continua
  • Corpus Domini – Anno B

    Il Vangelo di oggi ci ricolloca nella cornice pasquale. Siamo nel giorno della preparazione alla Pasqua che poi alla sera diventa il primo giorno degli azzimi. La festa degli azzimi e la festa della Pasqua nel tempo si sono in qualche modo sovrapposte, indicando la stessa realtà del passaggio, della liberazione.  Gli azzimi sono il pane dell’afflizione e della schiavitù, ma anche il pane... Continua
  • Santissima Trinità – Anno B

    La prima festa che si celebra dopo la Pentecoste è quella della SS. Trinità che non contempla un preciso evento della storia della salvezza ma tutta l’opera della salvezza che svela il mistero sulla verità di Dio. Nella prima lettura Mosè ribadisce che mai si udì che un popolo abbia udito la voce di Dio o che Dio si sia scelto una nazione e si sia comunicato a essa.  Questo Signore che “è... Continua
  • Pentecoste – Anno B

    La Pentecoste si inserisce nella Pentecoste ebraica, la festa di ringraziamento per il dono della legge. Ora però si riceve lo Spirito Santo che ci rende capaci di compiere ciò che Dio chiede. La legge non può dare la vita (cf Gal 3,21), perciò non può veramente redimere (cf Gal 2,16). Mentre lo Spirito Santo “è il Signore che dà la vita”, quella di Dio per poter vivere secondo Dio. La promessa... Continua
  • Ascensione – Anno B

    L’Ascensione, Gesù che sale al cielo e porta al Padre l’umanità che ha legato a sé con l’incarnazione è nel vangelo di oggi messa in stretta relazione alla missione che consegna agli undici. “Quando sarò elevato da terra attirerò tutti a me” (Gv 12,32) è la promessa che si compie con il dono dello Spirito quando Cristo muore sulla croce. Il Cristo Risorto è il Cristo crocifisso, il Figlio... Continua