Omelie

  • XXXIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

    Quella di oggi più che una parabola nel senso classico è un annuncio: “accadrà così” (Mt 25,14). Ovvero questa è la vita, succede così. Il talento era una misura di peso e come abbiamo già spiegato qualche domenica fa corrispondeva a un enorme valore, ovvero un talento era il guadagno di più di 20 anni. E perciò si può immaginare di quale misericordia parli Cristo nell’altra parabola dove il... Continua
  • XXXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

    Comincia con questa domenica ad apparire in modo più evidente il tema della fine dell’anno liturgico e dell’inizio del nuovo, con le parabole “escatologiche”. La questione dello sposo e della sposa nell’Antico Testamento è la questione dell’alleanza tra Dio e l’uomo. L’uomo è un essere di appartenenza ed è il rapporto con Dio a determinarne l’identità. Nell’Antico Testamento la differenza tra... Continua
  • XXXI Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

    Il vangelo di oggi si apre con questa pesante accusa contro scribi e farisei che si sono seduti sulla cattedra di Mosè ma a differenza di  Mosè, che era potente nelle parole e nelle opere (cf At 7,22), loro non fanno ciò che insegnano e pretendono dagli altri. È evidente che se nei vangeli è dedicato tutto questo spazio a scribi e farisei è perché sotto si nasconde una tentazione perenne per... Continua
  • XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

    Questa volta i farisei, visto che i sadducei con le loro domande non erano riusciti a a toglierlo di mezzo, cercano di  mettere alla prova Gesù mandando un dottore della legge, un maestro. Questo è il titolo con cui lui stesso si rivolge a Cristo ed è da notare che nel vangelo di Matteo tutti quelli che chiamano Cristo “maestro” non sono i suoi amici. Infatti lo interroga per metterlo alla... Continua
  • XXIX Domenica del Tempo Ordinario - Anno A

    I farisei tengono un consiglio dopo aver sentito tre parabole sul Regno di Dio, tutte con una conclusione tragica per loro. Poi, insieme agli erodiani arrivano da Gesù, sicuri di tendergli una trappola nella quale deve cadere. Lo interrogano sul regno di questo mondo, ma sotto camuffano un tranello religioso. Fanno una introduzione che la dice lunga di come hanno giudicato Cristo dopo le parabole... Continua
  • XXVIII Domenica del Tempo Ordinario - Anno - A

    Siamo ancora nelle parabole che Cristo rivolge innanzitutto ai capi dei Sacerdoti e ai Farisei ovvero a quelli che gestivano le istituzioni religiose e pensavano di essere assolutamente aderenti, compiendo ciò che la religione prescriveva. Praticamente i perfetti. Siamo nel contesto di un banchetto, però è interessante che il termine di paragone non è il banchetto; cioè: il Regno dei cieli non è... Continua
  • XXVII Domenica del Tempo Ordinario - Anno A

    Anche il vangelo di oggi è una parabola del rifiuto. Descrive il tragico rifiuto del dono del Padre cioè della missione del Figlio come salvatore del mondo. È collocata nella vigna, come già abbiamo visto in diverse domeniche, ora si tratta del padrone che manda i suoi servi a ritirare il raccolto che i contadini dovevano consegnargli. Siccome è rivolta ai capi dei sacerdoti e agli anziani del... Continua
  • XXVI Domenica del Tempo Ordinario - Anno A

    La cornice del vangelo di oggi parte dal versetto 12 del capitolo 21 quando Cristo, nel pieno dello scontro con lo zoccolo duro dell’antica Alleanza,  scaccia i mercanti dal Tempio, facendo arrabbiare i sommi sacerdoti e gli anziani. Al versetto 18, con l'esempio del fico che maledice e si secca non producendo frutto, Egli precisa che questa potrebbe essere proprio l'immagine del ... Continua
  • XXV Domenica del Tempo Ordinario - Anno A

    Per alcune domeniche avremo di nuovo qualche parabola. E la parabola ha praticamente sempre due parti. C’è un’azione che suscita una reazione e da questa si capisce a chi la parabola è rivolta. Oggi Cristo si rivolge ai farisei, i giusti, quelli che si considerano  i salvati perché eseguono ciò che era prescritto, tentazione permanente di ogni religione perché è molto più facile fare da sé... Continua
  • XXIV Domenica del Tempo Ordinario - Anno A

    La domenica scorsa abbiamo visto che la correzione fraterna è difatti la rivelazione di Cristo, perché non si tratta tanto di correggere il fratello quanto di essere noi già liberi da ogni rancore e da ogni rabbia - dunque già in uno stato di perdono - per poi cercare di convincere il fratello che quello che ha fatto è male. In questa operazione si rivela attraverso di noi una relazione libera... Continua